Lituania Academy of Fine Arts, Vilnius

La sua fondazione come scuola d’arte risale al 1793, quando il Granduca di Lituania decise di aprire un’Accademia di arti e lettere a Vilnius, che nel 1803 diventò Università. La sua attività, tuttavia, si interruppe nel 1832, quando fu chiusa dallo zar di Russia, e riprese solo nel 1919, con l’indipendenza della Lituania. Nel 1940 la scuola d’arte venne separata dall’Università e divenne Accademia, ma durante l’occupazione sovietica venne rinominata prima Istituto statale per l’arte di Vilnius e poi Istituto d’arte della Repubblica socialista sovietica di Lituania. In quegli anni annoverava i dipartimenti di Pittura, Grafica, Scultura, Composizione architettonica, Ceramica e Tessitura. Nel 1990, con la nuova indipendenza del paese, l’Istituto riprese il nome Accademia d’arte di Vilnius, e conobbe un periodo di grandi cambiamenti, che la portarono ad avere corsi di laurea, di master e di dottorato, e a sviluppare importanti relazioni internazionali (con la Cité internationale des Arts di Parigi, ad esempio). Il suo ricco museo custodisce circa dodicimila pezzi, che vanno dal sedicesimo secolo agli anni più recenti.

Artisti: